I cibi anti-cancro - SaluteMigliore

Vai ai contenuti

Menu principale:

I cibi anti-cancro

LA MEDICINA NATURALE
ALIMENTI ANTI CANCRO

David Servan-Schreiber è uno scienziato francese attivo nel settore della psichiatria e delle neuroscienze: direttore di un laboratorio di ricerche a Pittsburgh. All'età di trentanni scoprì di avere un cancro al cervello. Dopo due operazioni chirurgiche e la relativa chemioterapia, David, scienziato di formazione occidentale, decide di guardare ad altre Medicine e ad esse si dedica con grande impegno personale di studio e di ricerca. Questa sua storia ed esperienza sono raccontate in modo appassionato nel libro Anti-Cancro (Sperling Kupfer) di cui consigliamo la lettura, e del quale in questa pagina del nostro sito sintetizziamo i capitoli dedicati alla "alimentazione anticancro".  Questa alimentazione, come risulta dalla figura sottostante, è composta principalmente di verdure e legumi, ma non esclude un uso moderato di carne. Occorre invece operare una riduzione delle farine bianche, degli zuccheri e dei latticini.

(David Servan-Schreiber è morto domenica 24 luglio 2011. Egli ha ceduto al cancro al cervello che si è presentato per la terza volta dopo una battaglia che è durata più di 19 anni, aveva 50 anni.)

Dal libro Anti-cancro elenchiamo sinteticamente i cibi raccomandati.

Tè verde



Il tè verde possiede i polifenoli, in particolare l'EGCG, che riducono la neovascolarizzazione necessaria allo sviluppo dei tumori e metastasi. E' un antiossidante ed attiva gli enzimi del fegato che a loro volta eliminano le tossine e le scorie dal corpo. In laboratorio amplifica gli effetti della radioterapia. Il tè verde giapponese (sencha, matcha, gyokuro, ecc.) è particolarmente ricco di EGCG.
Va tenuto in infusione dai cinque ai dieci minuti e bevuto entro un'ora.

Curcuma



La curcuma è un potente antinfiammatorio e favorisce l'apoptosi delle cellule cancerose. In laboratorio amplifica l'effetto della chemioterapia. Per essere assimilata dal corpo la curcuma deve essere mescolata al pepe nero che va diluito nell'olio extra vergine d'oliva o di lino.
Mezzo cucchiaino di curcuma mescolata con un cucchiaino di olio extra vergine d'oliva ed una generosa presa di pepe nero, aggiungere un filo di sciroppo di agave. Si mette nelle verdure, minestre o al condimento delle insalate.

Zenzero



Lo zenzero è un potente antinfiammatorio ed antiossidante; riduce la formazione dei nuovi vasi sanguigni ed in infuso riduce la nausea portata dalla chemio o dalla radio.
Gratuggiare lo zenzero sopra le verdure mentre cuociono. Oppure marinare dello zenzero gratuggiato con della frutta nel succo di limone (aggiungere sciroppo d'agave se si preverisce più dolce). Si può anche fare una infusione per dieci-quindici minuti di zenzero tagliato a fettine in acqua bollente.

Crocifere



I cavoli di ogni tipo, dai cavolfiori ai broccoli o cavolini di Bruxelles, contengono molecole anticancro oltre a detossificare le sostanze cancerogene. Attenzione però evitare la bollitura, è necessaria una cottura breve al vapore oppure nel wok per non distruggere le molecole suddette.

Aglio, cipolla, porro, scalogno, erba cipollina



L'aglio è un'erba di molteplici usi, nel nostro caso favoriscono l'apoptosi delle cellule del cancro al colon, al seno, al polmone, alla prostata e della leucemia. Le molecole attive dell'aglio però sono efficaci quando viene schiacciato ed assorbito in un pò d'olio.
Quindi aglio e cipolla possono essere sminuzzati e fatti dorare in olio extra vergine d'oliva, quindi aggiunti a verdure mescolate con curcuma.

Frutta e verdura ricche di carotene

Carote, patate dolci, zucche, pomodori, cachi, albicocche, barbabietole contengono vitamina A e licopeni i quali inibiscono la progressione delle cellule tumorali e stimolano il sistema immunitario in particolare rendendo più attive le cellule NK. Per il tumore al seno è consigliabile un maggior consumo di alimenti ricchi di carotene.
Il licopene dei pomodori è particolarmente efficace per il cancro alla prostata, ma i pomodori vanno cotti e senza aggiunta di zucchero.

Funghi

I funghi maitake, shiitake, enokitake, cremini champignon, cardarelli contengono polisaccaridi e lentinane che moltiplicano le cellule immunitarie. Sostengono la chemioterapia. Possono essere mescolati nelle minestre di verdura, oppure cotti nel wok con altre verdure, grigliati al forno.

Erbe e spezie

Il rosmarino, il timo, l'origano, il prezzemolo, il basilico e la menta sono ricchi di oli essenziali della famiglia dei terpeni, quindi aumentano l'apoptosi delle cellule cancerose. Svolgono anche azione antiossidante ed antinfiammatoria.

Alghe

Le alghe marine rallentano la crescita del cancro al seno, alla prostata, alla pelle e al colon. Le alghe wakeme e kombu stimolano le cellule del sistema immunitario. Le principali sono: nori, kombu, wakame, arame e dulse. Sono utilizzabili nelle minestre o aggiunte nella cottura dei fagioli o delle lenticchie.

Frutti di bosco

Le fragole, i lamponi, i mirtilli, le more contengono acido ellagico e polifenoli che stimolano eliminazione degli agenti cancerogeni e inibiscono l'angiogenesi. Si possono mangiare durante la prima colazione coi fiocchi multicereali, oppure come macedonia, vanno bene anche quelli surgelati che mantengono le molecole anticancro.

Agrumi

Arance, mandarini, limoni sono antinfiammatori e stimolano la detossificazione degli agenti cancerogeni tramite il fegato.

Succo di melagrana

Ha potenti effetti antinfiammatori, riduce la crescita del tumore alla prostata. Consumarne un bicchiere al giorno al mattino a colazione.

Vino rosso

Il vino rosso contiene polifenoli, in particolare il resveratrolo che rallenta le fasi di progressione del cancro oltre che proteggere le cellule dall'invecchiamento. Non bisogna però superare il bicchiere di vino rosso al giorno.

Cioccolato fondente

Il cioccolato fondente contiene numerosi e potenti antiossidanti, ritarda la crescita delle cellule cancerose e limita l'angiogenesi. Il cioccolato con il latte però annulla tutti gli effetti. E' delizioso spolverizzato di zenzero e di bucce di mandarino.

Vitamina D

E' prodotta dalla pelle durante l'esposizione al sole, che pertanto, senza esagerare, ha effetti benefici in numerose forme tumorali. E' contenuta anche nel salmone, nello sgombro e nelle anguille.

Omega 3

L'omega 3 è presente nel pesce grasso e riduce lo stato infiammatorio ritardando la crescita delle cellule cancerose dei tumori al seno, al colon, al polmone, alla prostata, al rene, ecc.. Il rischio tumore decresce in chi consuma pesce grasso almeno due volte alla settimana. Preferite i pesci piccoli come le sardine, le acciughe e gli sgombri. Il pesce surgelato perde in gran parte il contenuto di omega 3. Anche i semi di lino sono ricchi di omega 3, molto efficaci nei tumori alla prostata. Macinare i semi di lino e mescolarli al latte di soia, oppure ai cereali della prima colazione.

Probiotici

Nell'intestino vi sono dei batteri utili alla digestione e all'equilibrio del sistema immunitario. I probiotici inibiscono la crescita delle cellule tumorali del colon. Yogurt e kefir biologici sono fonti di probiotici, ma anche l'aglio, la cipolla, il pomodoro, gli asparagi.

Selenio

Il selenio è un oligoelemento presente nel terreno,ma si trova anche nel pesce, nei frutti di mare e nelle frattaglie. Il selenio stimola le cellule immunitarie in particolare le NK.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu