La respirazione - SaluteMigliore

Vai ai contenuti

Menu principale:

La respirazione

QI GONG
TIAO XI

Quando si inizia a praticare Qigong occorre respirare con naturalezza, senza forzature, calmo e uniforme. Successivamente la respirazione si farà profonda, sottile, lunga e leggera.  Andando avanti nella pratica i tempi di inspirazione e di espirazione si allungheranno, senza però trattenere il fiato.



Con la respirazione noi assorbiamo l'energia dell'aria che si combina con quella proveniente dal cibo, dalla loro unione origina lo Zong Qi, ossia quell'energia che regola il ritmo respiratorio e cardiaco. Il Lingshu lo descrive nel seguente modo: "Zongqi si accumula nel mezzo del petto, si manifesta alla laringe, si immette nel cuore azionando così la inspirazione e la espirazione".
Per la salute quindi è importante controllare la qualità di queste due fonti, ossia dell'aria e del cibo, della respirazione e dell'alimentazione. Il Qi della respirazione da l'impulso ai movimenti.
Lo Yuan Qi proviene dal padre e dalla madre, è associabile al codice genetico, localizzato nel sistema Rene corrisponde alle essenze primordiali, alle funzioni immunitarie e vitali del corpo: da esso dipende lo sviluppo e la maturazione dell'uomo, corrisponde al nostro patrimonio vitale, per cui la vecchiaia è in relazione al graduale esaurimento dello Yuan Qi. Allo Zongqi, come unione di aria e cibo nel corpo, si aggiungono le nostre essenze, ossia lo Yuanqi, in tal modo si forma il Qi autentico detto Zhen Qi, che presiede al funzionamento di tutti gli organi ed alla difesa dai fattori patogeni. I meridiani sono l'espressione della circolazione dello Zhenqi nel nostro corpo: infatti è tramite il Qigong che si avverte il passaggio dello Zhenqi lungo quei percorsi che sono chiamati meridiani. Il controllo completo del respiro consiste nella capacità di indirizzare l'energia in ogni parte del corpo utilizzando il percorso dei meridiani.
Con il Qigong si nutre lo Zhenqi e si rafforza e mantiene lo Yuanqi, quindi la respirazione è in grado di far circolare lo Yuanqi nel nostro corpo, preservare e migliorare la salute. Si deve ottenere una respirazione facile e piacevole, all'inizio non è importante la durata, ma il benessere, guardare dentro se stessi e rimanere tranquilli.




La respirazione piena e sottile si accompagna ad un Cuore tranquillo, riempie i Polmoni e nutre tutto il corpo. La frequenza respiratoria media di un adulto è di 16 respiri al minuto (rpm), ma se si è rilassati nel Cuore e nella Mente è possibile diminuire notevolmente la frequenza, anche a 5 rpm al minuto.
Nel Qigong vi sono numerosi metodi di respirazione, ne esporremo solo alcuni, Tiao Xi significa appunto armonizzare il respiro.
All'inizio della pratica del Qigong il metodo migliore è quello della
respirazione naturale: significa concentrarsi sul vostro modo consueto di respirare e guidarlo in modo da renderlo più rilassato e fluido. Per questo è necessario liberare la mente ed il Cuore dei disturbi emotivi, scegliere una postura comoda, in piedi o seduti, e respirare con il naso prestando attenzione. Lo scopo è fare in modo che il vostro respiro diventi CALMO, SOTTILE, PROFONDO, LUNGO, CONTINUO, UNIFORME, LENTO, LEGGERO.

La
respirazione addominale è quella più diffusa nel Qigong in quanto coinvolge il Dantian, essa si suddivide in due metodi: addominale normale ed addominale inversa.

La respirazione addominale normale (vedasi figura) è quella più naturale nel Qigong, consiste in respiri profondi, lenti ed intensi a parire dal Dantian, quindi i polmoni vengono espansi e contratti a partire dal diaframma e dall'addome e non dal torace. Nella inspirazione si espande l'addome e nella espirazione si contrae, contemporaneamente nella inspirazione si spinge in fuori lievemente huiyin (CV-1) e l'ano, nella espirazione contraetelo. Non bisogna trattenere il respiro. Quindi l'addome si espande nella inspirazione, mentre nella espirazione l'addome si contrae. La discesa del diaframma verso il basso espande i polmoni.

La respirazione addominale inversa (vedasi figura) è sempre una respirazione addominale con la stessa caratteristica di partire dal Dantian, ma nella inspirazione l'addome si contrae e si trattiene l'ano e il punto huiyin (CV1), mentre nella espirazione si espandono l'addome e si rilassa l'ano. La respirazione inversa riguarda gli esercizi di Qigong, ma non è una respirazione naturale.

La respirazione addominale ha numerosi effetti benefici.
Muovere costantemente l'addome è come massaggiare gli Organi interni, in tal modo si favorisce il movimento del Sangue e del Qi con l'effetto di liberare i meridiani. Essa consente anche di trasportare il Qi in ogni parte del corpo, rafforzando in tal modo i muscoli, i tendini e gli Organi. Quindi la respirazione addominale è in grado di portare il Qi dal basso fino al Cervello e ad alimentare il Midollo, in questo rafforza l'energia dello Xue con il Qi.

Nella
vera respirazione (respirazione col Dantian) il Qi viene concentrato nel Dantian e lo si muove da li in tutte le direzioni del corpo; ossia essa si muove in alto, in basso, a destra, a sinistra, sotto e sopra, dappertutto ma mantenendo il centro del Dantian. Il Qi è in grado di raggiungere ogni parte del corpo senza abbandonare il centro del Dantian attraverso la consentrazione. Per raggiungere la vera respirazione occorre sperimentare il movimento in tutte le parti del Qi. Con la  respirazione col Dantian si devono espandere sia il basso ventre che la zona lombare, sentire come un palloncino che si sta gonfiando.

Nel trattato "Sulla comprensione della realtà" (Wu Zhen Pian) sta scritto: "Vi sono tre tipi di respirazione: la respirazione con il naso, dalla più grossolana alla più raffinata, poi la respirazione con il Qi (mantenendo il centro, cioè il Dantian inferiore, ascendendo e discendendo) e, infine, la respirazione Shen, respirazione tranquilla e tornando alle radici. Perciò, contare la respirazione non è nobile come armonizzare la respirazione addominale vera, e ciò a sua volta non è nobile come la respirazione Shen nella cavità del Qi, e allora può dirsi veramente profonda".
La respirazione Shen è la
respirazione embrionale, ossia entrare in sintonia col Qi prenatale per generare un embrione spirituale e l'illuminazione: questo livello è impossibile da raggiungere per gli uomini nelle moderne società informatizzate. Per la salute è invece praticabile la respirazione col Dantian dello stadio precedente.
La respirazione col Qigong è soprattutto spontanea e naturale, dimenticatevi la preoccupazione di imparare bene una tecnica o l'altra, lasciate semplicemente che il vostro corpo respiri e i cambiamenti avverranno.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu