Il Qi Gong per la Salute dell'Acqua - SaluteMigliore

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Qi Gong per la Salute dell'Acqua

IL NOSTRO QI GONG > Daoyin Yangsheng Gong
IL QIGONG PER L'ACQUA

I reni hanno l'incarico di suscitare la potenza,
emanano l'abilità e il savoir-faire.
La vescica ha l'incarico dei territori e delle città,
tesaurizza i liquidi corporei,
sotto l'effetto delle trasformazioni effettuate dai soffi,
emana la potenza delle uscite. (Suwen)


Il Qigong per la Salute dell'Acqua è il fondamento energetico della vita e del suo sviluppo, la potenza del fare e della longevità, è il fuoco dell'esistenza, esso rafforza il radicamento e la forza sessuale, la struttura ossea del corpo ed i midolli che sostengono il Sangue ed i liquidi. E' il Qigong per i Reni, ma anche per il sistema immunitario ed endocrino, il Rene per la Medicina Tradizionale Cinese è l'asse della vita e l'unione dello yin e dello yang è la base dell'organismo. E' l'Acqua che in tutte le sue manifestazioni mantiene la sua potenza, assorbita dal terreno, penetra e si diffonde, colma i vuoti, non la fermano le asperità e ritorna al Cielo. "E' per questo che, all'inizio della produzione dei Diecimila esseri, è l'acqua che sopraggiunge" (Zhang Jiebin cit. da Lingshu Jaca Book). Come per il Lingshu il saper-fare è il mantenimento della vita, l'osservare le stagioni, adattarsi al freddo ed al caldo, armonizzare allegria e collera, cuore tranquillo, regolare lo yin e lo yang, equilibrare il duro ed il molle, quindi la salute migliore, per questo è importante il Qigong del Rene e dell'Acqua.
L'Acqua è l'elemento anche della Vescica, è un altro aspetto dell'Acqua, ciò che resta dei liquidi dopo l'utilizzo delle loro essenze. La Vescica dei cinesi non si occupa solo della eliminazione delle scorie attraverso l'Acqua, ma anche del recupero dei liquidi utilizzabili, ossia di una sorta di riciclaggio, regola la quantità dei liquidi attivi nel corpo svolgendo coi liquidi la stessa funzione che il Fegato svolge col Sangue, in tal modo evita sia la secchezza che l'inondazione. L'incarico dei territori e delle città è la giusta proporzione tra terraferma e corsi d'acqua, è l'amministrazione del suolo e dei liquidi. Il Qigong per la Salute dell'Acqua aiuta l'amministrazione dei nostri liquidi che non solo eliminano le tossine del corpo ma umidificano i terreni senza eccedere.

Il Qigong per la Salute del Rene rafforza le essenze dell'organismo, il metabolismo dell'Acqua, le ossa, il cervello ed i midolli, migliora la volontà. Esso rafforza la zona del Mingmen ed i lombi, diffonde e sviluppa tutte le energie essenziali (jing qi, yuan qi).
Il Rene per la Medicina Tradizionale Cinese e quindi per il Qigong va sempre tonificato e stimolato essendo la radice dello yin e dello yang, tutte le tecniche contengono movimenti finalizzati all'Acqua ed al Rene, ma anche alla circolazione dei liquidi. L'Acqua governa le ossa e la colonna vertebrale, quindi è connessa alle lombalgie e sciatalgie, così come ai problemi ginecologici e sessuali.
Praticheremo di partenza gli esercizi del Daoyin Yangsheng Qong, ma anche toccare la punta dei piedi negli Otto pezzi di broccato, la posizione della scimmia nei movimenti dei 5 animali. Il Qigong dell'Acqua va sempre praticato, ma in particolare per chi ha bisogno di rafforzare le energie, rendere più fluida e tranquilla la vita. Tutti gli esercizi di Qigong, ma in particolare quelli dell'elemento Acqua e Fuoco, vanno praticati con l'
intenzione  (Yi), ossia la mente libera di pensieri desideri aspirazioni e preoccupazioni consente al Cuore di muoversi e così sarà possibile indirizzare liberamente il Qi nel corpo. A tal proposito sarà praticata la tecnica Xiao Zhou Tian (Piccola Circolazione Celeste) e Da Zhou Tian (Grande Circolazione celeste), importante per indirizzare il Qi lungo il Dumai meridiano yang ed il Renmai meridiano yin, migliorare la distribuzione delle energie essenziali e della yuan qi. In tal modo gli zang-fu riceveranno l'energia di Xue con Qi.

Daoyin Yangsheng Gong Rene - Scuola San Bao Torino

Nel Qigong per la Salute dell'Acqua e del Rene occorre lavorare nella zona del Mingmen, sia con gli esercizi che col massaggio, in particolare i punti shenshu (BL-23 shu del rene), zhishi (Bl-52 stanza della volontà) e mingmen (GV-4 porta della vita).
Shenshu si trova a 1 cun e mezzo di lato allo spazio tra i processi spinosi della II e III vertebra lombare; il punto è molto utilizzato nei trattamenti riguardante il Rene, nutre il Sangue e interviene in tutti i Vuoti di Qi, Xue, Jing, yin e yang che possono procurare incontinenza, impotenza, asma, tosse, lombalgie, dolori ossei, depressione. Abbinato al punto mingmen (sotto l'apofisi spinosa della II vertebra lombare) efficace per il Vuoto di yang di Rene.
L'altra zona su cui lavorare con gli esercizi di Qigong e col massaggio per la salute dell'Acqua ma anche di tutti gli elementi è il
Dantian, in particolare sotto l'ombelico i punti guanyuan (CV-4 barriera della sorgente) e qihai (CV-6 mare del qi).

Gli squilibri dei liquidi e quindi della Vescica si possono trattare con esercizi di Qigong taoista ed automassaggio che coinvolgano il punto kunlun (BL-60 monte kunlun) e la zona della fossa poplitea ed in particolare dei punti yingu (KI-10 valle dello yin), weiyang (BL-39 curva dello yang) e weizhong (BL-40 centro della piega).
Il punto yingu si trova sul lato mediale della fossa poplitea ed è utile quando occorre affrontare problemi nei liquidi del corpo, compresi le lacrime, i catarri, la saliva, l'urina, l'edema e la linfa.
Weizhong è un punto molto utilizzato oltre che per drenare i liquidi anche per le lombalgie, sciatalgie e dorsalgie; rinfresca il Sangue per cui è impiegato nell'herpes, eczema, psoriasi ecc.).

La collera è collegata all'elemento Legno ma colpisce anche il Rene pechè ostacola il necessario slancio fruttuoso della vita ed intacca la personalità. L'indebolimento dei Reni attacca le ossa, la colonna vertebrale e la zona lombare, si perde in tal modo l'elasticità e scioltezza. La rabbia quindi disturba la nostra ossatura soprattutto dopo i 40 anni. All'Acqua ed al Rene è collegata la paura. La prudenza ed un certo timore servono saggiamente a valutare le conseguenze delle azioni, ma se eccessivi portano all'assenza di reazione ed alla immobilità. La paura rende impossibili i rapporti tra Fuoco ed Acqua, Cuore e Rene, per cui nulla può aiutarci e sentiamo solo l'esigenza di fuggire, i movimenti sono paralizzati, il corpo è debole. La paura intacca il Rene, le essenze e la vita e ci conduce alle impotenze.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu