Biancospino - SaluteMigliore

Vai ai contenuti

Menu principale:

Biancospino

RIMEDI NATURALI > Le piante medicinali
IL BIANCOSPINO

Il biancospino è un arbusto o piccolo albero dotato di spine, i fiori sono di colore bianco rosato, le foglie dotate di picciolo hanno forma romboide ed i frutti sono ovali e rossi: la fioritura avviene tra aprile e maggio e i frutti maturano tra novembre e dicembre, si trova nelle boscaglie e nei cespugli, diffuso in Europa.

Il biancospino è la pianta del cuore, in particolare regola la pressione arteriosa quindi è efficace sia per l'ipertensione che per l'ipotensione.

La tisana.
Fate bollire un quarto d'acqua, spegnete, aggiungete un cucchiaino abbondante di biancospino, lasciate in infusione e dopo 5 minuti filtrate. Si può addolcire con del miele ma la temperatura non deve superare i 45 gradi altrimenti vengono distrutti i principi attivi del miele. Le tisane non vanno inghiottite tutto d'un fiato, ma a sorsi distanziati e lontano dai pasti. Se ne beva un quarto nella mattinata ed uno nel pomeriggio.


Il cuore e la circolazione del sangue sono strettamente connessi, il biancospino regola il ritmo cardiaco e quindi favorisce una buona circolazione che significa una efficace alimentazione del corpo ed una regolare rimozione delle tossine.
Si può utilizzare anche per i disturbi cardiaci di origine psicologica e per l'arteriosclerosi.

Il biancospino è efficace nei disturbi dovuti allo stress, alle stile di vita frenetico delle società  moderne che indeboliscono il cuore o, come insegna la Medicina Cinese, riducono la produzione di Sangue e di Qi causando Fuoco di Fegato e deficit di yin.
Il biancospino si può utilizzare nei casi di risalita dello yang dove il Legno in eccesso disturba il Fuoco (Cuore) che può portare anche a cefalee ed insonnia, esso seda lo Shen.
In tal caso il biancospino può essere usato in una miscela: biancospino 50 gr., cardiaca 25 gr., melissa 25 gr., fare bollire mezzo litro di acqua, spegnere, aggiungere 2 cucchiaini della miscela e filtrare dopo 3 minuti. Bevetene un quarto nella mattinata ed un quarto nel pomeriggio a sorsi solo dopo che ha raggiunto la temperatura ambiente.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu