Premessa - SaluteMigliore

Vai ai contenuti

Menu principale:

Premessa

LA MEDICINA NATURALE > La salute nelle stagioni > Il sistema linfatico
PREMESSA

Le discipline energetiche, di cui la medicina tradizionale cinese è caposaldo con le sue varie pratiche (escludendo l’agopuntura che potrebbe avere una grande attività terapeutica), ha una valenza soprattutto per quanto riguarda il tentativo di prevenire degli stati patologici, la possibilità di guarire più in fretta da piccole patologie ed il raggiungimento di una condizione ideale fisica e psico-emotiva.

Le ginnastiche orientali e la respirazione, l’alimentazione e la fitoterapia basate sulle stagioni e sulle predisposizioni personali, il massaggio Tuina personalizzato, possono aiutarci a mantenere e ritrovare  elasticità fisica e mentale, muscoli sciolti e in forma e quindi mancanza di rigidità, mente più serena e miglior stato di salute generale.

La teoria dei cinque elementi (ampiamente trattata nel sito), uno dei pilastri della MTC, è a mio giudizio il tentativo di armonizzare l’uomo alle stagioni, dettando regole di vita che avrebbero lo scopo di mantenerci sereni nello spirito e puliti e fluidi nel corpo, o perlomeno di ritrovare lo stato ideale in breve tempo se si scivola e ci si ammala in modo lieve.

Considerando gli aspetti climatici prevalenti, le ore di luce, cosa avviene sulla terra in natura, quali sono le emozioni prevalenti in base agli aspetti precedenti, si possono intuire i blocchi energetici cui si è maggiormente predisposti e l’organo o i distretti fisici bersaglio di tali blocchi.
Lo scopo è il mantenimento di un giusto ritmo che dà equilibrio, facendo scorrere nel modo giusto le energie, bisogna fare attenzione a non andare fuori tempo.
Naturalmente noi non siamo uno schema, così come non lo è la nostra vita, così come non lo sono le stagioni che spesso non corrispondono alle aspettative.

La cosa da prendere in considerazione sono i sintomi, magari singolarmente poco importanti, ma messi insieme rivelano dove si trova il blocco, dove c’è qualcosa che non va.
Generalmente ad essere colpito è sempre il punto debole del singolo individuo, in quanto la predisposizione personale è l’aspetto principale che regola lo stato di salute ed equilibrio individuale.
Abbiamo aspetti che definirò congeniti legati alla genetica ma anche alla gravidanza della madre, al parto, all’allattamento, ai primi anni di vita ed al carattere individuale.
Ed esistono aspetti spesso altrettanto importanti legati allo stile di vita, alimentazione, respirazione, ore di sonno e sua qualità e orari durante i quali si riposa, ambiente in cui si vive e lavora, stress cui si è sottoposti.
Esiste poi un aspetto che io considero fondamentale e che definisco la mancanza di cura di sé stessi, la pigrizia mentale che ci porta a non concederci un bagno profumato caldo e rilassante, una pausa per una buona tazza di the, ci porta a non praticare nessun tipo di ginnastica o attività sportiva (leggera), a non vestirci adeguatamente in base alle stagioni ed agli ambienti dove si vive (penso ad esempio all’aria condizionata, che è una condizione di vento freddo da cui solo proteggendosi puntualmente si può uscire indenni).
Considerando tutti questi aspetti e tenendo presente che in salute ed in malattia tutto è possibile, il corpo parla attraverso vari malesseri, blocchi fisici ed emotivi, sintomi anche sottili che non vanno sottovalutati.


La pratica ci insegna che i blocchi energetici principali (vale per tutto l’anno con picchi stagionali) sono a livello dell’elemento Terra e del sistema epatico.

Il fegato è l’organo psico-somatico per eccellenza e patisce in modo enorme lo stress, è facile quindi capire come possa andare facilmente in crisi provocando dolori in ogni parte del corpo, colesterolo alto, problemi digestivi, mal di testa, ecc.
La stagione in cui più facilmente si riscontrano segni di disagio, ma più che altro il momento in cui normalmente i sintomi si acuiscono e diventano prepotenti, tendendo ad esplodere verso l’alto, è la primavera ed i periodi o le giornate di forte vento.
L’elemento Terra riguarda invece i momenti di transizione tra una stagione e l’altra. In questi momenti bisogna ritrovare la propria centralità e serenità per entrare al meglio e dalla porta principale nella stagione nuova.

Di particolare importanza il passaggio tra inverno e primavera e tra estate e autunno.

Il primo perché la fine della stagione fredda ci trova spesso in situazione di grande carico di tossine cumulate causa poco movimento, poche ore di luce, eccessi alimentari soprattutto di grassi e zuccheri, grande pigrizia mentale o depressione, attacchi virali e batterici stagionali ripetuti.
L’altro perché è importante entrare bene nell’autunno per incorrere meno facilmente in tutte le patologie polmonari e virali che sono in agguato fino alla primavera successiva.
L’elemento Terra riguarda aspetti molto ampi a livello di salute, benessere ed emotività.
La capacità di essere radicati nella vita e adattati all’ambiente, di apprendere dalle nuove esperienze, di digerire quello che ci accade, oltre al cibo.
I cambiamenti improvvisi ci confondono e perdiamo di stabilità. Il ripetersi di abitudini sbagliate ci fanno perdere stabilità, o forse assumiamo stili di vita completamente sballati perché non abbiamo centralità.
Questa primavera ha portato venti prepotenti, freddo, giornate quasi estive, neve in quantità.
È normale che il corpo e la mente facciano fatica a stare al passo  e perdano l’equilibrio, anche nelle persone più posate e normalmente tranquille, serene e in salute, qualche problema si può presentare.
Sempre però in base a quelli che sono gli elementi dominanti e i punti deboli di ognuno.
Per ritrovare il giusto e meritato benessere bisogna valutare i tanti piccoli segnali che il corpo ci lancia e intervenire laddove sono maggiori i disagi.

Spesso noteremo che il sistema Terra non controlla più l’acqua e quindi dovremo intervenire sul sistema linfatico per rimettere in circolazione i liquidi e ridare energia al nostro sistema immunitario.

Questo comporterà anche una profonda pulizia della milza, organo non indispensabile alla sopravvivenza, ma legato profondamente al nostre essere pienamente in salute, con un sistema immunitario puntuale, con la sua funzione di pulizia dai globuli rossi e bianchi senescenti (o non della forma giusta) perfettamente funzionante, e la capacità di aiutarci a smaltire le infezioni ed i virus che approfittando dei nostri momenti di debolezza ci hanno colpiti, oltre ad una migliore regolazione della pressione sanguigna.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu