Tarda Estate - SaluteMigliore

Vai ai contenuti

Menu principale:

Tarda Estate

RIMEDI NATURALI > LA SALUTE NELLE STAGIONI
TARDA ESTATE
Per tarda estate si intende quel periodo tra agosto e settembre dove, se anche meteorologicamente siamo già in autunno, in ogni caso il torrido estivo ci ha lasciati, il sole è ancora molto caldo mentre i venti si fanno più freschi.
È il momento di occuparsi di se stessi prima dell’arrivo del vero e proprio autunno con venti freddi alternati a periodi di piogge e forte umidità.
Il recupero dopo il caldo torrido estivo è indispensabile per il mantenimento di un buono stato di salute durante la stagione autunnale, se iniziamo ad ammalarci in autunno tra l’altro rischiamo di passare un pessimo inverno, stagione piena di insidie che ormai è alle porte.
È il momento di riprendere con le lunghe passeggiate, gli esercizi di ginnastiche mediche accompagnati da profonda respirazione, di riequilibrare l’organismo sia dal punto di vista dell’alimentazione, che ritorna ad essere più completa, sia come ore di sonno notturno non più disturbato da caldo e insetti e troppe ore di luce.
Dal punto di vista energetico questo è un periodo di transizione, pertanto bisogna occuparsi del sistema linfatico ed immunitario e depurare in profondità la milza.
Gli organi deputati a produrre le cellule del sistema immunitario sono il midollo osseo, il timo, la milza (che matura i globuli bianchi), esistono poi luoghi dove le cellule immunitarie si raccolgono per svolgere alcune funzioni, sto parlando dei linfonodi, distribuiti in tutto il corpo, senza dimenticare quelli presenti nell’intestino, nei polmoni e nelle ghiandole (ad esempio le tonsille, da qui l’importanza di non asportarle se non in casi dove è proprio necessario). È quindi evidente l’importanza di mantenere privi di scorie e di infiammazioni e ingrossamenti i distretti dove abbiamo la fortuna di poter intervenire.

Intervenire sul sistema linfatico (già trattato nel sito) lo si può fare in vari modi (senza però mai dimenticare il giusto movimento e la giusta respirazione):
• si smaltiscono le tossine depositate durante l’estate a causa di alimentazione eccessiva (intendo anche le varie bibite dolci e birre fresche che si sono bevute) e, laddove ha fatto troppo caldo, scarso movimento;
• si eliminano completamente le cariche batteriche in caso si sia sofferto di problemi gastroenterici (abbastanza tipici in estate sia per il caldo che per l’alimentazione molto ricca in fibre e per l’assunzione di cibi crudi, oltre ai vari virus che come ogni anno hanno colpito i soggetti più fragili dal punto di vista immunitario) e tracheiti o bronchiti (da aria condizionata e corrente d’aria nelle case);
• si fa ripartire il movimento delle acque in tutti i distretti, in alcuni casi è visibile il deposito di liquidi soprattutto a livello di piedi e caviglie, cosce e glutei, ma in alcuni si nota addirittura il viso gonfio e spesso al mattino si fa fatica a chiudere la mano a pugno, questo tipo di problematiche colpisce soprattutto le donne ed in modo prepotente quando fa caldo.
Il drenaggio delle scorie e dei liquidi depositati nel sistema linfatico non è una cura dimagrante, ma può in alcuni casi far perdere un paio di chili in quanto porta ai reni e quindi all’eliminazione i liquidi che si sono depositati negli spazi interstiziali.
Altro aspetto importante riguarda il nostro livello di energia, se malgrado il fatto che le temperature non arrivano più a trenta gradi ci si ritrova privi di energie, il consiglio è quello di assumere bevande ricche di minerali (ad esempio il decotto di roibos o di honeybush), di non farsi mancare gli omega 3 che nutrano il cervello (pesce azzurro, olio di lino ecc.), un bel cucchiaino di polline masticato bene prima di colazione, superalimento ricco anche di vitamine del gruppo B definite le vitamine dell’energia, e magari di aiutarsi per qualche settimana con una delle piante adattogene (io personalmente consiglio l’eleuterococco al mattino, aumenta la resistenza allo stress ed aiuta nelle fasi di transizione quando avvengono cambiamenti climatici e ambientali importanti, non aumenta in modo prepotente il tono simpatico quindi non dà nervosismo, cosa che può accadere nei soggetti sensibili e nelle donne con il ginseng, che andrebbe a mio giudizio utilizzato solo in caso di necessità)
Questi sono i primi passi per prepararsi ad un buon autunno e ad un buon inverno, periodi pieni di insidie soprattutto per i nostri bronchi e le vie respiratorie in generale.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu